Bianco Caolino e la Mosca Olearia

L’annata corrente ha avuto un clima orribile per la Liguria. Prima delle alluvioni di novembre -che hanno colpito sia le olive che il territorio-, il maltempo della stagione estiva ha favorito il proliferare della mosca olearia, che ha un optimum di sviluppo intorno ai 22ºC.
In un’annata di “scarica” -con poche olive- come la presente, le mosche si sono concentrate sui frutti disponibili.

Per correre ai ripari, in agosto abbiamo deciso di utilizzare il caolino, una roccia clastica della famiglia delle argille.

È una tecnica innocua: funziona come barriera meccanica alle punture e il colore sulle foglie confonde la mosca che non riconosce l’albero.

Uliveto trattato con caolino in liguria

È però una tecnica costosa, che va ripetuta in caso di forti piogge.

Wp surround caolino sulle olive taggiasche

Poiché alle nostre altitudini l’uso del caolino è quantomeno inconsueto, abbiamo suscitato la curiosità degli abitanti dei vicini Borgomaro, Aurigo e Poggialto che hanno sviluppato ipotesi e teorie su cosa potesse essere quel candido manto.

Nicola


Il tuo Carrello

In vetrina

Contatta l’Azienda Agricola

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Trascrivi questo nel campo seguente
captcha


Ci autorizzi ad inviarti offerte e informazioni

Selezionando il pulsante "Invia" dichiari di aver letto e accettato i termini del servizio in riferimento alla legge sulla privacy 196/2003