Tempo di trattamenti

olive taggiasche nella fase di indurimento del nocciolo
Le olive in questo periodo stanno diventando sensibili agli attacchi della mosca olearia (che ha un nome poco amichevole – Bactrocera oleae).
Si intensificano i trattamenti con adulticidi e larvicidi, eliminando la larva, già deposta nello strato superficiale dell’oliva*. Il dimetoato è il più classico larvicida e penetra per un paio di millimetri nel frutto. È anche neurotossico se ingerito, inalato o semplicemente se viene a contatto con la pelle.

Chi non applica trattamenti traumatici per l’uomo e l’ambiente, seguendo come noi il regime biologico, ha comunque qualche arma a disposizione (caolino, adulticidi biolcompatibili…).

La nostra principale è l’altitudine che rende meno adatto l’ambiente allo sviluppo della famigerata mosca.
La nostra condotta, unita all’assenza di diserbanti, porta la campagna in luglio a presentarsi così:

*nota bene: larvicida – uccide la larva che comunque rimane dentro l’oliva. In un’oliva non trattata, la larva scaverà un tunnel scendendo in profondità fino a raggiungere il nocciolo. Raggiungerà poi la parte esterna dell’oliva per impuparsi e volare via.
Il tunnel è il danno maggiore: qui la polpa fermenta e l’oliva ne perde in qualità. Non pensate però che un olio fatto con olive trattate non presenti residui di…larva.


Il tuo Carrello

In vetrina

Contatta l’Azienda Agricola

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Trascrivi questo nel campo seguente
captcha


Ci autorizzi ad inviarti offerte e informazioni

Selezionando il pulsante "Invia" dichiari di aver letto e accettato i termini del servizio in riferimento alla legge sulla privacy 196/2003